Strumenti Utente

Strumenti Sito


unita_2_4

Questa è una vecchia versione del documento!


Unità 4 - Induttori

Premessa: l'argomento dell'elettromagnetismo e in particolare il fenomeno dell'induzione elettromagnetica è trattato in maniera più approfondita nella materia Elettronica ed Elettrotecnica.

Si rimanda all'unità 1_2 per la definizione delle principali grandezze magnetiche e le proprietà dei materiali magnetici.

1 Generalità

Un induttore è un componente passivo che consiste in un avvolgimento, realizzato con un filo di rame isolato, avvolto su un supporto per formare una bobina. Il parametro principale di un induttore è la sua induttanza. L'induttore può essere:

  • in aria, cioè vuoto all'interno, per ottenere un valore di induttanza costante e minori perdite
  • o contenere al suo interno un nucleo di materiale ferromagnetico, per ottenere valori di induttanza più elevati a discapito di perdite crescenti con la frequenza

Quando un induttore è percorso da corrente si genera al suo interno un campo magnetico H a cui è associato un valore di energia potenziale; l'induttore dunque, come il condensatore, è in grado di accumulare energia. A seconda del materiale presente, e in particolare dalla permeabilità magnetica μ del materiale, nello spazio dove è presente il campo magnetico si genera un'induzione magnetica B, che è la vera responsabile di tutti i fenomeni magnetici ed elettromagnetici1). La grandezza magnetica da cui dipende il fenomeno dell'induzione magnetica è il flusso concatenato ed è il flusso del vettore B che attraversa la superficie racchiusa dall'induttore2). Il flusso concatenato con un circuito generato dal circuito stesso quando è attraversato da corrente si può calcolare con:

`phi = L i`

dove L è l'induttanza (o coefficiente di autoinduzione) del circuito, misurata in Henry [H].

La legge di Ohm dell'induttore - un caso particolare della legge generale dell'induzione elettromagnetica (Faraday-Neumann-Lenz) - descrive il fenomeno dell'autoinduzione, cioè tensioni indotte dovute alla variazione del flusso concatenato col circuito generato dal circuito stesso. La legge è:

`v = L (di)/dt`

e afferma che:

  • in un induttore si manifesta una tensione autoindotta se la corrente cambia nel tempo (in continua un induttore si comporta da cortocircuito)
  • il valore della tensione dipende dall'induttanza e dalla velocità con cui cambia la corrente
  • la corrente non può variare a gradino (l'induttanza ostacola le variazioni di corrente e la tensione autoindotta si comporta da forza-contro-elettromotrice)

L'induttore presenta comportamenti simili - ma per fenomeni diversi - a quelli del condensatore; anche in questo caso abbiamo:

  • transitori con costanti di tempo (`tau = L/R`) e grandezze che cambiano con legge esponenziale, ma dovuti a variazioni a gradino di corrente
  • sfasamento tra tensione e corrente nei circuiti in alternata, ma questa volta con la tensione in anticipo rispetto alla corrente

che verranno trattati nella materia di Elettronica ed Elettrotecnica.

Induttore reale e parametri caratteristici

Il comportamento di un induttore può essere studiato con il circuito equivalente di figura 1. Oltre al parametro principale, l'induttanza L, sono presenti:

  • la capacità parassita C0, che tiene conto degli effetti capacitivi (dovuti alla presenza di conduttori separati da un isolante)
  • la resistenza RS, che tiene conto di tutte le perdite presenti (dovute all'effetto Joule sui conduttori e alle perdite magnetiche per isteresi e correnti parassite)

Con opportuni calcoli il circuito può essere trasformato in quello di figura 2a con solo due parametri3). Dal diagramma vettoriale di figura 2b si vede che lo sfasamento non è 90° ma diminuito di un angolo δ detto angolo perdita.

I principali parametri caratteristici di un induttore sono:

  • l'induttanza (in genere compresa tra 1 μH e 1 H)
  • la tolleranza
  • l'angolo di perdita e il corrispondente fattore di perdita
  • il fattore di merito Q
  • la frequenza di risonanza
  • il coefficiente di temperatura

Il valore effettivo dell'induttanza può cambiare con la frequenza4) e, come per resistori e condensatori, è contenuto in un intervallo definito dalla tolleranza. L'angolo di perdita deve essere il più basso possibile; dal suo valore dipendono le perdite nell'induttore5) messe in evidenza dal fattore di perdita, definito come tangente di δ. La frequenza di risonanza indica la frequenza oltre la quale l'induttore si comporta da condensatore e non deve essere mai superata. Il coefficiente di temperatura definisce come cambia il valore dell'induttanza al variare della temperatura.

Il fattore di merito (o di qualità) Q è un parametro che definisce la qualità di un induttore. Il suo valore si calcola con:

`Q=(omega L)/R`

e corrisponde all'inverso del fattore di perdita. Valori di Q elevati sono dunque desiderabili e corrispondono a basse perdite e induttanza elevata.

Impiego

Gli induttori vengono usati:

  • per filtrare i segnali
  • negli alimentatori
  • per ridurre le emissioni e i disturbi dovuti alle interferenze elettromagnetiche
  • nei sintonizzatori, per selezionare una banda di frequenze
  • negli oscillatori, per generare segnali sinusoidali
  • in generale per “smorzare” picchi di correnti e come elementi capaci di accumulare energia

2 Caratteristiche costruttive degli induttori

  • ancora meno ideale del condensatore
  • con e senza nucleo (alta L o basse perdite)
  • forme (toroidale → contiene il campo al suo interno)
  • pro e contro degli induttori con nucleo (ferriti per alta frequenza e perdite contenute)
  • codice a bande colorate (μH)

3 Schermatura delle bobine

Contro interferenze e disturbi da e verso altre apparecchiature. Schermi in bassa ed alta frequenza (figura 7).

Torna all'indice.

1)
ad esempio per realizzare un'elettrocalamita serve una bobina percorsa da corrente con all'interno un nucleo in ferro
2)
immaginando che il campo magnetico attraversi perpendicolarmente il circuito
3)
si noti che in questo caso il valore di induttanza cambia con la pulsazione, quindi con la frequenza
4)
ma anche per problemi di non-linearità negli induttori con nucleo
5)
potenza dissipata o sprecata per effetto Joule e perdite magnetiche
Questo sito Web utilizza i cookie. Utilizzando il sito Web, l'utente accetta la memorizzazione dei cookie sul proprio computer. Inoltre riconosci di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla privacy. Se non sei d'accordo, lascia il sito.Maggiori informazioni sui cookie
unita_2_4.1461102963.txt.gz · Ultima modifica: 2020/07/03 17:59 (modifica esterna)