Strumenti Utente

Strumenti Sito


unita_16

Unità 16 - Elettronica digitale

1 Segnali digitali e codifica

L'elettronica digitale ha assunto un'importanza crescente col passare degli anni perché presenta una serie di vantaggi rispetto a quella analogica:

  • è più economica, grazie alla facilità di integrazione
  • ha una maggiore immunità ai disturbi, perché è difficile alterare il contenuto del segnale quando questo presenta solo due livelli
  • permette di trasportare più informazioni
  • consente di elaborare e memorizzare facilmente le informazioni

Nell'elettronica digitale le informazioni sono rappresentate da sequenze di bit (binary digit), cioè da una successione di valori logici 0 e 1 che corrispondono a due diversi livelli di una grandezza elettrica (ad esempio una tensione). Per rappresentare in questo modo ogni tipo di informazione è necessaria una operazione di codifica che traduca le informazioni in una combinazione di bit. Il numero di combinazioni che è possibile ottenere con n bit è 2n bit; ad esempio i codici esadecimali utilizzano quattro bit con cui si ottengono 16 combinazioni (tabella 1).

Per trasformare un segnale analogico in digitale e viceversa si usano i convertitori analogico/digitali (ADC) e digitali/analogici (DAC). La conversione analogico/digitale (vedi figura 1) prevede tre passaggi:

  • campionamento: si prelevano dei campioni del segnale analogico a intervalli di tempo regolari
  • quantizzazione: i campioni vengono approssimati al valore digitale più vicino
  • codifica: il valore ottenuto viene codificato in una sequenza di bit

Il segnale digitale (o numerico) così ottenuto è discreto nel tempo e nei valori, cioè è definito solo in determinati istanti di tempo e assumere un numero finito e predeterminato di valori ma se il campionamento avviene a una frequenza sufficientemente alta il contenuto del segnale digitale è lo stesso di quello analogico.

2 Caratteristiche dei segnali digitali

Vedi il paragrafo 1.

3 Sistemi di numerazione e codici

Il modo più semplice, e il più utilizzato, di codificare i numeri in digitale è quello di convertirli nel numero corrispondente espresso nel sistema di numerazione binario.

Il sistema di numerazione binario funziona come quello digitale: ogni numero è espresso da una serie di cifre solo che la base - il numero di valori che può assumere ogni cifra - vale due invece che dieci e ogni cifra, a partire da quella più a destra, è moltiplicata per una potenza crescente del due invece che del dieci. Ad esempio, se il numero decimale 245 può essere scomposto come:

`245 = 2 cdot 10^2 + 4 cdot 10^1 + 5 cdot 10^0`

il numero binario 11010 corrisponde a:

`11010_(2) = 1 cdot 2^4 + 1 cdot 2^3 + 0 cdot 2^2 + 1 cdot 2^1 + 0 cdot 2^0 = 1 cdot 16 + 1 cdot 8 + 0 cdot 4 +1 cdot 2 +0 cdot 1 = 26_(10)`

cioè al numero 26 nel sistema decimale.

La conversione da decimale a binario è appena più complicata: si divide ripetutamente il numero decimale per due, ogni volta segnando il resto, fino ad ottenere zero. Il numero binario corrisponde alla sequenza dei resti presa a partire dall'ultima divisione. Ad esempio per convertire il numero decimale 13 in binario si procede così:

13:2 = 6 resto 1
 6:2 = 3 resto 0
 3:2 = 1 resto 1
 1:2 = 0 resto 1

Il numero binario corrispondente è 1101.

Naturalmente esistono altri modi di codificare i numeri - ad esempio il codice BCD usato nei display a sette segmenti o il codice Gray usato negli encoder assoluti - e spesso si usano anche altri sistemi di numerazione, come quello ottale o esadecimale. I caratteri invece vengono codificati con il codice ASCII, limitato a pochi caratteri degli alfabeti occidentali perché a 7 o 8 bit, o il codice unicode a 16 bit, che comprende tutti i caratteri, anche quelli degli altri alfabeti (greco, cirillico, arabo, cinese, ecc.).

Torna all'indice.

This website uses cookies for visitor traffic analysis. By using the website, you agree with storing the cookies on your computer.More information
unita_16.txt · Ultima modifica: 2016/03/26 16:17 da admin