Strumenti Utente

Strumenti Sito


arduino_8

Progetto finale: un robot che segue una linea

Vogliamo realizzare un robot che sia in grado di seguire autonomamente un percorso indicato da una linea nera. Useremo del nastro isolante nero per disegnare il tracciato su un banco di colore chiaro e tre sensori a infrarosso per rilevare la presenza della linea nera e correggere la direzione. Il robot consiste in:

  • un telaio di supporto con una ruota a sfera sulla parte posteriore e tre sensori IR su quella anteriore
  • due motori elettrici che azionano indipendentemente due ruote
  • uno scheda per pilotare i due motori (il Motor Shield Arduino)
  • una scheda Arduino che comanda il tutto
  • un portabatterie con quattro batterie stilo (6 Volt) o un power bank per alimentare schede, motori e sensori

vista inferiore del telaio: motori, riduttori, ruote e cavi di alimentazione

Il risultato finale è quello mostrato nel video:

Progetto: robot che segue una linea

Scopo realizzare un veicolo robot che segua un tracciato a piacere indicato da una riga nera
Componenti telaio con ruote e motoriduttori, Arduino Motor Shield, 3 sensori IR TCRT5000, 4 batterie stilo da 1,5 Volt

Approfondimento sull'hardware : il motor shield Arduino

Arduino Motor Shield R3

Il Motor Shield Arduino si monta sopra la scheda Arduino e permette di collegare un motore elettrico alla scheda 1). Il componente principale dello shield, l'integrato L298, è in grado di comandare due motori in continua o un motore passo-passo grazie a due ponti H2). Allo shield possono essre collegati motori da 5 a 12 Volt con correnti fino a 2 Ampère.

Lo shield utilizza 8 pin della scheda Arduino; noi ne useremo solo quattro, in particolare:

funzione pin (motore A) pin (motore B)
direzione (avanti/indietro) 12 13
velocità (tensione al motore) 311

NB lo shield usa anche i pin A0 e A1 per misurare le correnti e i pin 8 e 9 per l'arresto rapido dei motori; se si vuole utilizzare ad altro scopo questi pin occorre tagliare i rispettivi collegamenti sul retro dello shield3).

Comandare due motori in continua è molto semplice:

  • stabiliamo la direzione di marcia dei motori impostando il valore HIGH o LOW sui pin 12 e 13
  • regoliamo la velocità dei motori impostando un valore di tensione sui pin 3 e 11 (i due pin digitali vengono utilizzati come uscite analogiche grazie alla modulazione PWM)

Approfondimento sull'hardware : il motore in continua

In questo progetto utilizzeremo due motori in continua per muovere il veicolo perché le due ruote devono potersi muoversi in maniera indipendente - avanti e indietro e con velocità diverse - per cambiare direzione.

motore in continua, fonte sparkfun.com

Le caratteristiche principali dei motori in continua sono:

  • alimentazione in corrente continua (batterie o alimentatori) tramite due morsetti
  • buone prestazioni a tutte le velocità
  • facilità di controllo

Il motore si aziona applicando tensione e ruota a una velocità proporzionale al valore di tensione applicato. Per cambiare direzione bisogna invertire il verso la tensione.

Il movimento del motore viene trasmesso al carico - in questo caso le ruote - attraverso un albero motore. Più precisamente viene trasmessa una potenza meccanica che corrisponde al prodotto tra la velocità di rotazione e la coppia (la “spinta” ovvero qualcosa che ha un effetto simile a quello della forza nei moti rettilinei):

`P=C cdot omega`

dove P è la potenza in Watt (W), C la coppia in Newton per metro (Nm) e ω la velocità in radianti al secondo (rad/s)4).

Nel nostro caso non è possibile collegare direttamente le ruote all'albero perché i motori sono costruiti per girare molto velocemente - ad esempio a 1000 giri al minuto (rpm) - e le ruote girerebbero troppo velocemente. Per questo tra i motori montati sul telaio e le ruote è posto un riduttore, un sistema ad ingranaggi che trasmette potenza meccanica riducendo la velocità, più o meno come il cambio di un'automobile o di una bicicletta.

I due motoriduttori (motore più riduttore) montati sul telaio hanno queste caratteristiche:

tensione massima 4,5 Volt in continua
velocità massima senza carico 10 rpm (giri al minuto)
corrente senza carico 190 mA
corrente massima 250 mA

L'algoritmo che comanda il movimento

L'algoritmo che permette al robot di seguire la linea è molto semplice. I tre sensori sono in grado di distinguere la linea nera (che riflette poco) dal piano su cui è disegnato il tracciato (che riflette il raggio infrarosso). I motori vengono comandati considerando che:

  • se il solo sensore centrale rileva la linea il veicolo può procedere dritto (entrambi i motori alla stessa velocità)
  • se il sensore destro rileva la linea il veicolo deve curvare a destra per correggere la traiettoria
  • se il sensore sinistro rileva la linea il veicolo deve curvare a sinistra per correggere la traiettoria

La figura seguente illustra il funzionamento dell'algoritmo (il segno giallo indica che il sensore ha rilevato la linea).

algoritmo dell'inseguitore di linea

Nel programma si terrà conto anche di casi anomali; ad esempio se tutti i sensori sono attivi (o disattivi) significa che non è stata individuata la linea.

sketch

/* Progetto finale: robot che segue una linea
 * I due motori vengono comandati in base ai tre sensori a infrarosso
 * montati sulla parte frontale. Se quello centrale è sulla linea
 * il veicolo procede dritto, se la linea viene rilevata sui sensori
 * laterali il veicolo curva per riportare la linea al centro
 *
 * Nome:
 * Creato il:
 */
 
// pin che controllano la direzione del motore destro e sinistro
// valori: HIGH = avanti, LOW = indietro
int dirD = 12;
int dirS = 13;
 
// pin PWM che controllano la velocità del motore destro e sinistro
// valori: da 0 (motore fermo) a 255 (massima velocità)
int velD = 3;
int velS = 11;
 
// pin digitali collegati ai tre sensori (sinistro, centrale, destro)
int IRs = 4;
int IRc = 5;
int IRd = 6;
 
// lettura sensori
bool lineaS, lineaD, lineaC;
 
 
void setup() {
  // imposto i pin dei motori come uscite
  pinMode(dirD, OUTPUT);
  pinMode(dirS, OUTPUT);
  pinMode(velD, OUTPUT);
  pinMode(velS, OUTPUT);
  // marcia avanti per entrambi i motori
  digitalWrite(dirD, HIGH);
  digitalWrite(dirS, HIGH);
  // imposto i pin dei sensori come ingressi
  pinMode(IRs, INPUT);
  pinMode(IRd, INPUT);
  pinMode(IRc, INPUT);
  // serial debug
  Serial.begin(9600);
}
 
void loop() {
  // leggo i tre sensori (HIGH = linea nera)
  lineaS = digitalRead(IRs);
  lineaD = digitalRead(IRd);
  lineaC = digitalRead(IRc);
  Serial.print(lineaS);
  Serial.print(lineaC);
  Serial.println(lineaD);
  // linea non rilevata (tutto nero) -> alt
  if (lineaS && lineaD && lineaC){
    Serial.println("tutto nero");
    analogWrite(velD, 0);
    analogWrite(velS, 0);
  }
  // linea non rilevata (tutto bianco) -> alt
  else if (!lineaS && !lineaD && !lineaC) {
    Serial.println("tutto bianco");
    analogWrite(velD, 0);
    analogWrite(velS, 0);
  }
  // linea al centro -> dritto
  else if (lineaC && !lineaS && !lineaD) {
    Serial.println("linea al centro");
    analogWrite(velD, 200);
    analogWrite(velS, 200);
  }
  // linea a sinistra -> gira a sinistra
  else if (lineaS && !lineaC && !lineaD) {
    Serial.println("linea a sinistra");
    analogWrite(velD, 200);
    analogWrite(velS, 100);
  }
  // linea a destra -> gira a destra
  else if (lineaD && !lineaC && !lineaS) {
    Serial.println("linea a destra");
    analogWrite(velD, 100);
    analogWrite(velS, 200);
  }
  // piccolo ritardo per permettere al controllo di intervenire
  delay(10);
}

Osservazioni

  • l'algoritmo usato è decisamente primitivo e potrebbe essere perfezionato, ad esempio:
    • tenendo conto del caso in cui sia un sensore laterale che quello centrale sono attivi (nel nostro caso non viene presa alcuna decisione e la direzione di marcia resta l'ultima impostata)
    • usando l'uscita analogica dei sensori per avere un'indicazione di quanto è vicina la linea in modo da correggere la traiettoria meno bruscamente
  • l'alimentazione con quattro batterie stilo è insufficiente (in parte perché il regolatore sulla scheda Arduino richiederebbe almeno 7 Volt quando si alimenta dallo spinotto e in parte perché la tensione scende notevolmente quando i motori, insieme alle due schede e ai sensori, assorbono energia); possibili soluzioni:
    • con un alimentatore a 7,5V i risultati sono molto migliori ma l'energia “non è a bordo”
    • con batteria da 9 Volt i risultati sono discreti ma occorre aggiustare la tensione/velocità del motore
  • è richiesta una taratura per:
    • la sensibilità dei sensori IR per non avere false letture della linea (ombre, ecc.)
    • la velocità dei motori in modo che il controllo non sia troppo brusco

Torna all'indice.

1)
la scheda Arduino non è in grado di fornire correnti sufficientemente elevate per pilotare un motore
2)
il ponte H è una configurazione circuitale dove quattro transisor, usati come interruttori, vengono aperti e chiusi a coppie alternando tensione nulla e piena tensione per regolare direzione e velocità di un motore
3)
nel nostro caso i pin per la frenatura non sono utilizzati nel programma e risultano scollegati (di default i pin sono impostati come ingressi ad alta impedenza); nello shield invece una resistenza di pull-down disabilita l'arresto rapido
4)
spesso la velocità è espressa in giri al minuto (rpm) anche se non è l'unità di misura prevista dal Sistema Internazionale
This website uses cookies for visitor traffic analysis. By using the website, you agree with storing the cookies on your computer.More information
arduino_8.txt · Ultima modifica: 2017/05/31 15:02 da admin