Strumenti Utente

Strumenti Sito


sezione_7c

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

Entrambe le parti precedenti la revisione Revisione precedente
sezione_7c [2019/04/26 09:19]
admin [1 La legge dell'induzione magnetica]
sezione_7c [2019/04/26 09:21] (versione attuale)
admin [1 La legge dell'induzione magnetica]
Linea 8: Linea 8:
 La legge generale dell'​induzione magnetica - o legge di Faraday o di Faraday Neumann - afferma che quando il flusso concatenato Φ<​sub>​C</​sub>​ con un circuito cambia nel tempo si genera una tensione autoindotta //e// nel circuito il cui valore dipende dalla velocità con cui cambia il flusso nel tempo. L'​espressione analitica ​ della legge è: La legge generale dell'​induzione magnetica - o legge di Faraday o di Faraday Neumann - afferma che quando il flusso concatenato Φ<​sub>​C</​sub>​ con un circuito cambia nel tempo si genera una tensione autoindotta //e// nel circuito il cui valore dipende dalla velocità con cui cambia il flusso nel tempo. L'​espressione analitica ​ della legge è:
  
-`e = (Delta ​phi_C )/( Delta t)`+`e = (Delta ​Phi_C )/( Delta t)`
  
 usando la derivata((valore istantaneo della velocità di variazione del flusso, invece del valore medio)) si ha : usando la derivata((valore istantaneo della velocità di variazione del flusso, invece del valore medio)) si ha :
  
-`e = (d phi_C)/(dt)`+`e = (d Phi_C)/(dt)`
  
 La legge di Lenz serve a stabilire il verso della tensione indotta e afferma che le tensioni indotte si oppongono alla causa che le ha generate. La sua applicazione non è immediata ma, volendo fare un esempio, se il flusso concatenato con un circuito diminuisce la tensione indotta avrà verso tale da far circolare correnti che producano un ulteriore campo magnetico - e relativo flusso - concorde con quello che sta diminuendo (vedi figura 1). Se le correnti non possono circolare, magari perché il circuito è aperto, la tensione è comunque presente. La legge di Lenz serve a stabilire il verso della tensione indotta e afferma che le tensioni indotte si oppongono alla causa che le ha generate. La sua applicazione non è immediata ma, volendo fare un esempio, se il flusso concatenato con un circuito diminuisce la tensione indotta avrà verso tale da far circolare correnti che producano un ulteriore campo magnetico - e relativo flusso - concorde con quello che sta diminuendo (vedi figura 1). Se le correnti non possono circolare, magari perché il circuito è aperto, la tensione è comunque presente.
sezione_7c.txt · Ultima modifica: 2019/04/26 09:21 da admin